Giardini di Miro' official website

Cose da sapere sui GDM

Chi sono i giardini di mirò?

I Giardini di Mirò sono un gruppo nato, cresciuto e tuttora attivo nella Provincia Reggiana. In particolar modo sono un gruppo proveniente da Cavriago, comune con meno di diecimila anime a pochi minuti d’auto da Reggio Emilia. Il sindaco onorario di Cavriago è, dal 1917, Vladimir Lenin.

Chi sono i componenti?

Jukka Reverberi, Corrado Nuccini, Luca Di Mira, Mirko Venturelli, sono parte del gruppo da sempre. Da qualche anno c’è anche Francesco Donadello che ha sostituito Lorenzo Lanzi. Collaborano o hanno collaborato coi Giardini di Mirò anche Emanuele Reverberi, Alessandro Raina, Giuseppe Camuncoli e molti altri…

Quando hanno iniziato a suonare?

Il primo concerto ufficiale, rigorosamente strumentale, dei Giardini di Mirò, con tutti i membri della prima formazione, risale al 1998.
I giardini di mirò, però esistevano da prima, almeno dal 1995, più come intenzione che come reale progetto. Corrado Nuccini e Giuseppe Camuncoli (oggi noto fumettista)

Non ho mai sentito i giardini di mirò. Da quale disco parto?

Come discorso generale è bene specificare che l’ultimo lavoro è sicuramente quello che più rappresenta lo stato attuale delle cose. Se però si è più interessati all’anima strumentale del gruppo è consigliabile ascoltare “Rise and Fall of Academic Drifting”. Se si è interessati a sentire canzoni che hanno la presenza costante della voce è consigliabile prendere “Punk…not diet!” o “Soft Touch EP”. Nel caso in cui piacca prevalentemente l’animo elettronico si può prendere sia NATO che The Academic Rise of Falling Drifters.

Perché i giardini di mirò fanno tante collaborazioni?

I Giardini di Mirò hanno spesso collaborato con altri artisti per condividere esperienze musicali diverse e riuscire sempre ad evolvere il proprio suono. Inoltre i giardini di Mirò sono un gruppo di appassionati di musica, molto più che musicisti in senso tecnico del termine. È un reale piacere coinvolgere all’interno dei nostri progetti musicisti ed artisti di cui siamo anche grandi estimatori. Tra remix e collaborazioni varie i gdm hanno lavorato con: Hood, DNTL, Alias, Hermann & Kleine, Styrofoam, Apparat, Piano Magic, Cyne, Zucchini Drive, Opiate, Isan, Yuppie Flu, Julie’s Haircut, Paul Anderson, e molti altri

Dove e come registriano i loro dischi?

I giardini hanno sempre prodotto i loro dischi in due studi. Il primo è il Bunker di Rubiera (dove lavora Andrea Rovacchi, fonico e amico dei gdm), il secondo è L’Alpha Studio di Bologna (un tempo Alpha Earth Base a Firenze), di proprietà, fra gli altri di Francesco, attuale batterista del gruppo e di Giacomo Fiorenza. Il primo demo è stato registrato live, senza nemmeno tracce seprate. Il primo disco ufficiale “Rise and Fall” è stato registrato interamente con tecniche analogiche a Firenze, nell'allora studio fiorentino. Da Punk…not diet! si è utilizzato "la tecnologia", tipo pro tools e nuove diavolerie moderne.

Dove si possono comprare i dischi?

I dischi si possono trovare piuttosto facilmente nei negozi. E’ possibile anche ordinare gli album direttamente al gruppo. Basta scrivere all’indirizzo che si trova nei contatti.

Quali sono i dischi che hanno ispirato i giardini?

Le influenze dei Giardini di Mirò sono diverse e varie. Elencarle tutte sarebbe veramente un impresa mastodontica. Prendendone alcuni si può partire dai gruppi post rock (Aerial M, Tortoise, Mogwai, Windsor for the Derby, Rachel’s, Godspeed you black emperor) fino ai gruppi shoegaze (Ride, My Bloody Valentine, Slowdive). Si devrebbero citare un sacco di altre band dalla new wave ai Sonic Youth passando per gli Hood. Ma come dicevamo non si possono citare tutti.

Che significa il nome giardini di mirò?

Il nome giardini di mirò corrisponde ad un parco di Barcellona dedicato a Joan Mirò dove qualcuno del gruppo è stato concepito.